color options

Background Pattern

Break Dance

X

La Break Dance nasce a metà degli anni ’70 nel Bronx, quartiere nero per eccellenza della periferia di New York City. Agli inizi erano semplici movimenti presi dalla “capoeira” brasiliana, con cui i neri e i sudamericani volevano mettersi in mostra per le strade dei sobborghi di N.Y. Successivamente questi movimenti base hanno iniziato ad essere modificati secondo lo stile di ogni esecutore ed hanno preso vita propria, creando così una nuova danza molto acrobatica, mai vista prima. La straordinaria novità portata dalla Break Dance consiste nel “contatto con il suolo”. In nessun altro stile di danza, fino ad allora, si erano studiati ed approfonditi movimenti al suolo. La Break Dance, inoltre, è sempre stata caratterizzata, fin dall’inizio, da passi e movimenti estremamente spettacolari. Ecco dunque che rotazioni (“Spins”&”Glides”), movimenti frammentati (“electrics” e “freeze”) e passi acrobatici (“evolutions”) sono entrati di prepotenza nella Break e ne costituiscono tuttora la parte preponderante. Parallelamente alla danza a terra si è sviluppata anche una particolare danza in piedi denominata “Electric Boogee” che include movimenti di mimo e robot ed in cui il ballerino sembra un “pupazzo percorso da numerose correnti elettriche”.

La “moda” della breakdance giunge in Italia negli anni ottanta e si sviluppa di pari passo con il movimento hip hop. Strade, centri sociali e discoteche di Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli e Genova diventano luoghi fertili per la nascita di numerosi b-boy che iniziarono a rappresentare lo “stile italiano” anche all’esterno.

EsperienzaDanza vi darà la possibilità di studiare con uno dei migliori maestri della nostra regione: Kevin Avosani.